PCN-INFOS

Le réseau d'information téléphonique du PCN

 

Français / Italian

 

PCN-Infos de 24 febbraio 2003

 

6 GIUGNO 1944 : L'INVASIONE YANKEE

 

La macchina della propaganda americana si è di nuovo messa in moto e vuole farci credere una volta di più, che gli americani sono sbarcati in Normandia il 6 giugno 1944 per liberare l’Europa. E’ falso !

E d’altronde gli storici americani definiscono tutt’oggi quell’operazione “l’invasione”.

E più di cinquant’anni dopo il 6 giugno 1944, le truppe americane occupano ancora l’Europa. La sub-cultura yankee ci ha invaso con le sue Coca-Cola, i suoi hamburgers, i suoi film, i suoi “serial” televisivi demenziali e la sua falsa morale.

Allora sarà bene ricordare una cosa: non è stato l’esercito americano che ha liberato l’Europa, ma l’Armata Rossa. E senza il sacrificio di 30 milioni di Sovietici, guidati con determinazione dal Maresciallo STALIN, i nazisti avrebbero vinto la guerra. Sono stati i gloriosi combattenti dell’Armata rossa che hanno preso Berlino e liberato l’Europa dalla dominazione nazista, aperto le porte della libertà ai deportati di Auschwitz e delle decine di campi di sterminio nazisti.

Come noi la pensa Jean Daniel, che nel suo saggio “Viaggio al termine della Nazione” scrive : “Per DE GAULLE è l’apprendere, a Londra, i primi successi sovietici nella resistenza delle loro armate contro l’invasore tedesco, che lo persuade che la vittoria degli alleati sarebbe stata conseguita più presto del previsto. Senza le battaglie combattute in Russia, non ci sarebbero stati gli sbarchi in Africa del Nord, in Italia, in Provenza, in Normandia. In altre parole: senza il nazional-bolscevismo, nessuna lotta efficace contro il nazional-socialismo”.

Oggi l’Europa non è più vassalla della Germania, ma degli Stati Uniti d’America. Oggi non ci sono più la Wehrmacht, le SS e la Gestapo ad occuparci, ma la NATO, l’esercito americano e la CIA, che spia tutte le comunicazioni in Europa.

Oggi l’Europa è ancora sotto la dominazione militare, politica, economica e diplomatica di una potenza straniera. Ed è tutta la classe politica europea, formata dai nuovi collaborazionisti, che aiuta gli americani.

Ieri l’Europa, grazie all’eroico sacrificio dei Sovietici, si è liberata dai nazisti.

Oggi si deve liberare dagli Stati Uniti, dall’ingiustizia del capitalismo e dalla dominazione imperialista del Nuovo Ordine mondiale. E questa lotta per la libertà, essa deve condurla insieme a tutti i popoli del mondo che rifiutano la schiavitù yankee.

YANKEE GO HOME!

 

Luc MICHEL

 

Retour à l'accueil